FM Stereo Board

Da parecchio tempo seguivo con curiosità il turbinio di notizie intorno a una piccola schedina elettronica orientale con funzione di sintonizzatore FM stereofonico, in merito alla quale ho letto tantissime descrizioni e opinioni di acquirenti che, più che altro, mi hanno disorientato. Si parlava di almeno due versioni della scheda, nonché, in alcuni casi, di un problema di rotazione antioraria della manopola di sintonia al salire della frequenza. Queste notizie mi hanno sempre trattenuto dal comprare, ma, contemporaneamente, leggendo altre recensioni entusiastiche, avevo una spinta verso l’acquisto. Dopo alcuni mesi di dubbiosa contemplazione e documentazione, dato anche il basso costo (poco più di € 7), ne ho ordinate ben 3 per fare prove ed esperimenti di tutti i tipi. Dopo un’attesa di qualche settimana, sono venuto in possesso delle agognate schede ed è iniziata l’esplorazione tecnica.

Penso che sia il caso di fare subito una doverosa premessa, che probabilmente spegnerà l’entusiasmo dei puristi: questo ricevitore utilizza la de-enfasi di 75 µs (U.S.A.) e non quella europea di 50 µs con cui trasmettono le nostre emittenti FM. La ricezione in queste condizioni non è corretta, ma possiamo dire che all’ascolto il risultato è accettabile. Farò prove con amici, senza dire nulla all’inizio … mettendoli a conoscenza dopo. 🙂 A titolo di pura curiosità tecnica esiste anche la de-enfasi di 25 µs utilizzata nelle trasmissioni FM codificate in Dolby, sistema ormai non più in uso.

Mi permetto ora una piccola parentesi su una curiosa sinergia che è possibile attuare tra due schede molto interessanti. Possiedo un trasmettitore FM Stereo, regolabile a passi di 100 kHz tra gli 87 e i 108 MHz, che ha pre-enfasi di 75 µs. In questo caso l’accoppiamento è corretto. Per chi fosse interessato a questa divagazione consiglio la seguente pagina.

Tornando alla nostra FM Stereo board, questa presenta due manopole di comando che azionano 2 encoder rotativi. Quella di sinistra si occupa della sintonia che è possibile variare, a passi di 100 kHz, tra i 76 e i 108 MHz. Non nascondo che avrei preferito passi di 50 kHz, se non addirittura di 25 kHz, anche se comunque non si hanno particolari problemi di sintonizzazione. Il fatto di poter utilizzare una banda estesa dai 76 ai 108 MHz può fare suscitare qualche speranza di lontani DX ? Chi vivrà vedrà. Qualcuno ha notato una certa lentezza nel salire/scendere di frequenza, anche ruotando in modo veloce la manopola, ma non dobbiamo sicuramente partecipare a una gara, per cui questo è un problema di poca rilevanza. Premendo brevemente sempre questa manopola parte il sistema di ricerca automatica della stazione successiva, solo per frequenze crescenti e, arrivati al fondo scala, la ricerca riparte dai 76 MHz. Ruotando invece la manopola destra si alza o abbassa il volume con step da 0 a 15. Premendo brevemente questa manopola azioneremo la funzione mute. Premendo più a lungo la manopola destra è possibile inserire/disinserire lo squelch, che è un circuito di abbattimento del rumore in assenza di segnale utile. Premendo più a lungo la manopola sinistra possiamo visualizzare sul display il valore di soglia dello squelch che possiamo regolare da 0 a 63 per mezzo della manopola destra (attualmente ho impostato il valore 10). Premendo nuovamente a lungo la manopola sinistra si ritorna alle normali funzioni del display, memorizzando il valore di soglia impostato. Veniamo ora alla funzione dei due LED in basso tra le due manopole. Il LED verde indica che la stazione è ben sintonizzata, mentre il LED rosso indica ovviamente il contrario.

Ho iniziato inserendo, per non saldare, un filo di rame con guaina di alcune decine di centimetri nel foro metallizzato d’antenna, quindi collegando il cavo audio stereo nella presa mini-jack, sulla destra, per l’amplificatore e finalmente ho fornito alimentazione a 5 V alla piccola porta USB Micro-B femmina presente sulla sinistra. Ho utilizzato per l’ascolto l’amplificatore Fenice® 20 MKTII (TA2024B) e i diffusori Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B. Beh, che dire, sono rimasto stupito di come possa suonare bene questa molto economica board … abbiamo trovato il sintonizzatore FM per l’Impianto Audio Minimalista ?

Simpatico valore aggiunto è la presenza a bordo della scheda di un sistema stereo di amplificazione con potenza dichiarata di 2 X 3 W, su un carico di 3 Ω come da datasheet del circuito integrato 8002A. Chiaramente con un carico da 4/8 Ω dovremo accontentarci di qualcosa di meno. Per operare in questa modalità dovremo però mettere mano al saldatore. Tuttavia sarà possibile la connessione diretta di altoparlanti o diffusori senza ulteriori preoccupazioni.

Da quello che mi è dato di capire, è possibile un controllo seriale del sintonizzatore tramite porta USB. Chiaramente è una parte che mi riservo di esplorare con calma, tempo permettendo. Al seguente link è possibile scaricare un manuale di istruzioni. Altre istruzioni sono reperibili al seguente indirizzo. Non essendoci un modello unico di sintonizzatore bisognerà adattare le istruzioni al proprio caso. Sarà ora interessante “vestire” questa scheda, ma qui voglio riservarmi del tempo per fare tutto con calma e possibilmente bene.

Aggiornamento: ho fatto un po’ di saldature per provare l’amplificatore  a bordo della scheda e ho dovuto riscontrare che 2 schede su 3 hanno un canale muto, quello contrassegnato con LS1. E’ capitato anche ad un altro acquirente da quel che leggo. Ho dovuto fare una recensione al ribasso sul sito dell’acquisto e conto in una piena collaborazione per una rapida risoluzione del problema.

Altro problema riscontrato è costituito dal fatto che l’indicatore d’antenna è sempre fisso su 4 tacche.

I dati dichiarati sono:

Output power: 500mW (actuate reciver), 3Wx2 (actuate speaker)
Frequency range: 50Hz-18KHz
Receiving frequency range:
Close the campus radio 87.0MHz-108.0MHz
Open the campus radio 76.0MHz-108.0MHz
Equivalent noise: ≥30dB
Supply voltage: 3.0V-5.0V
Channel: Stereo
Supply Current: maximum volume 1000mA, minimum volume under 60mA (for reference only)