Ascolto in Quadrifonia (Radio)

Negli anni ’70 ci furono alcune emittenti che si lanciarono nell’impresa di trasmettere in quadrifonia in FM, cosa che purtroppo nel giro di pochi anni andò, come tutta l’avventura a 4 canali, incontro al fallimento per un insieme complesso di cause. I primi tentativi di trasmissione quadrifonica di cui abbiamo traccia utilizzarono l’accoppiamento di 2 emittenti FM stereofoniche e quindi, per la ricezione, l’uso contemporaneo di 2 sintonizzatori su due frequenze diverse, in cui una stazione trasmetteva i canali frontali e un’altra i canali posteriori. Come è facile immaginare non poteva essere questa la soluzione, poichè era necessario che il segnale radiofonico in quadrifonia fosse unico, anche per motivi di occupazione della banda radio. Conseguentemente nelle trasmissioni vennero utilizzati diversi sistemi, tra cui il Quadraplex (discreto, 4:4:4) di Louis Dorren, anche se probabilmente ebbe maggior successo la codifica matriciale 4:2:4 con varie interpretazioni da parte delle aziende produttrici di apparecchiature e di supporti audio. La trasmissione discreta dei 4 canali è quella che garantisce la separazione migliore tra i canali e quindi è da preferire, tuttavia necessita di ricevitori specifici. Strada più facile ha avuto la codifica matriciale dove un encoder “compatta” i 4 canali in un segnale stereofonico che può essere normalmente trasmesso. La ricezione può essere fatta con un altrettanto normale sintonizzatore stereofonico, con l’accortezza di collegare, all’uscita audio di questo, un decoder che dai 2 canali estragga il segnale quadrifonico di partenza. Il problema è che questa operazione crea alcuni problemi in merito alla separazione tra i canali, in dipendenza anche della sofisticazione del decodificatore, comunque tali da non pregiudicare una buona fruizione del sistema. In linea di massima una registrazione così codificata può essere trasmessa con le normali attrezzature di una emittente stereofonica e l’ascoltatore con sintonizzatore e decoder può fruire della quadrifonia. I sistemi di codifica più utilizzati sono stati SQ, QS e Matrix H. In merito a questa tecnica, ho fatto un piccolo esperimento di trasmissione quadrifonica con un micro-trasmettitore FM stereo e con materiale audio con codifica QS. Fortunatamente per noi appassionati le due WebRadio, Radio Max Music ed EZMax, ogni tanto effettuano trasmissioni quadrifoniche codificate quasi sempre in QS, di cui mi premuro di dare avviso, con buon anticipo, nei miei due gruppi “Quadrifonia” e “WebRadio Ascolto“.

Nelle immagini a seguire mostro la ricezione delle 2 emittenti indicate sopra, per mezzo di Foobar2000. Come è facile notare la ricezione è basata sui classici 2 canali stereo, però, come ho gia affermato, codificati QS.

Basterà collegare all’uscita stereo dal PC un decoder QS per poter fruire della trasmissione. Tuttavia è noto che trovare un decoder QS dei tempi che furono è complicato, ma per quelli come me che hanno un Home Theater con la decodifica analogica Dolby Pro Logic II (Music) la compatibilità tra i 2 sistemi è molto vicina. In questo caso sull’Home Theater ho utilizzato l’ingresso stereofonico analogico VCR, quello del videoregistratore. Chiaramente la decodifica analogica Dolby Pro Logic II fornirà un’uscita con 5.1 canali a fronte dei 4 della decodifica QS, ma persone molto più competenti di me sostengono che la ricostruzione è molto verosimile.

Fortunatamente esistono in commercio decoder quadrifonici anche al giorno d’oggi, come per esempio il Surround Master v2 della Involve, che si avvale della tecnologia DSP, per cui, volendo, anche questa è una possibilità. Come è possibile constatare, al giorno d’oggi esistono diverse possibilità per la ricezione di queste emittenti che si avvalgono anche della Quadrifonia. La speranza è che si moltiplichino, in modo che sempre più persone possano fruire di questa gloriosa tecnologia che ha fatto appassionare non poche persone.